Lo Sciacchetrà delle Cinque Terre

Il vino più famoso e rinomato delle Cinque Terre, lo Sciacchrrà, si trova nella zona dei 5 paesi, tra Monterosso e Riomaggiore, ed è il vino passito più rinomato della regione Liguria.

La coltivazione della vite nelle Cinque Terre, terreno assai impervio, risale al III secolo a.C., quando il vino era una delle principali risorse per alimentare i baratti, fonte di sostentamento per la popolazione locale.

Il suolo è povero e caratterizzato dalla presenza di sassi e roccia ma il microclima è perfetto per la coltivazione della vite in quanto i monti proteggono la costa dai venti freddi del nord e le escursioni termiche tra il giorno e la notte conferiscono alle uve un’intensa aromaticità.

Come viene prodotto lo Sciacchetrà?

In questo contesto nasce lo Sciacchetrà, il vino più famoso delle Cinque Terre, coltivato ad un massimo di un metro dal suolo.  Il nome deriva (pare) dalla parola “Shekar” che in Palestina aveva il significato di bevanda fermentata.

Per lo Sciacchetrà si scelgono i grappoli migliori dei vitigni locali, Bosco, Albarola e Vermentino, fatti appassire in fruttai per circa 50 giorni e vinificati dopo il 1 novembre. In particolare si impiega l’uva bosco, dalla resa molto elevata.

Gli acini vengono selezionati uno ad uno, segue poi una fermentazione con una macerazione sulle bucce di almeno 20 giorni. Segue ancora una lunga maturazione dei lieviti, molto controllata per creare un vino concentrato di profumi e struttura.

L’ultimo processo è quindi l’affinamento, in piccole botti per almeno 12 mesi, fino al 1 novembre del’anno successivo, mentre per la versione riserva almeno 3 anni

Dove degustare lo Sciacchetrà

Nella zona delle Cinque Terre quasi tutte le cantine o le enoteche offrono assaggi di Sciacchetrà. Il costo è elevato, poiché questo passito non viene prodotto in grandi quantità. Anche in passato nelle famiglie veniva consumato in occasioni speciali o prodotto come regalo di Natale o per anniversari.

Il suo gusto dai sapori di miele, agrumi, pesca e note speziate ben si accompagna come dessert con formaggi corposi e gustosi, oppure con il classico pandolce, panpepato, frutta secca e cantucci.